SCRIPTUMSLAM

Sullo sfondo accade di tutto di Valentina Gaglione

Archivi per il mese di “ottobre, 2013”

Anticipazioni: “La raccolta del sale” di Alessandro Brusa (Giulio Perrone Editore, 2013). Alcune poesie

Poetarum Silva

La Raccolta del Sale

Ho tramutato i miei passi in orme di gigante

l’ho fatto con l’ignoranza spicciola del contadino
che all’estate chiede pioggia a suo piacimento;

mi sono fatto sottile negli anni
con lentezza e calando ad una maglia più fine
.  mi sono stretto al collo
in un momento solo, dopo il tramonto;

ma ora sono qui ed in questo mondo di strade
non so con che voce dirti come mi chiamo,
se la fragilità è un legno che non conosco.

.

* * *

Ti ho letto ed ho pensato di impazzire

ho pensato di urlare e di saltare sulle nubi,
su quelle stesse nubi di cui parli
per poterle abbattere,
trascinarle sui loro colori
.  e spegnerle
.  e sbatterle sul fondo di quel mare
da cui si solleva il sole del tuo piccolo giorno

di quell’alba che è solo tua.

.

* * *

Un otre vorrei
per…

View original post 642 altre parole

Il canto dell’oltre

 

Occhi in passo lento nel crocevia.

Qui si assaltano stagioni esistenze ore.

Scortichiamo l’ultimo sbadiglio in un vento buono.

Trovami, nel mondo, il gioco placido delle essenze.

I soffi che spingono avanti,

l’abbandono delle spine,

il salto degli ostacoli.

Astrazioni che si fanno forma

o forme che si lasciano astrarre.

Decisioni di onde che sbattono a riva.

Assoluzioni e soluzioni

nello strappare via un passato,

un dolore, un significato.

Trovami il canto dell’oltre.

E ci incontriamo comunque

Nella ricerca di parole per sfamare periodi lunghi.

Nella continuità che recide gli errori.

Valentina Gaglione

Tutti i diritti riservati

Dipinto: “Samar colloquio mattutino” Claudio Cargiolli

983808_10200365906128837_340566118_n

Infinito

 

 

 

Oltre la finestra di noi stessi

dalla quale ci sporgiamo sempre

c’è l’infinito.

Rivelazione che spiazza e terrorizza

che non giustifica affanni e non puoi farci nulla.

 

Oltre la finestra di noi stessi

dalla quale ci sporgiamo a malapena

c’è l’infinito.

Rivelazione che spiazza e terrorizza

confessione acre della verità

l’infinito.

 

Ci siamo solo oggi in questi panni In questi panni.

In questi panni.

 

Valentina Gaglione

Tutti i diritti riservati

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: