SCRIPTUMSLAM

Sullo sfondo accade di tutto di Valentina Gaglione

Archivio per il tag “poesia”

Illusion my religion P.O.P poetry, raccolta poetica fuori dalle righe

Illusion my religion P.O.P poetry, raccolta poetica fuori dalle righe.

Cunicoli

Percorro cunicoli di pensieri,
con curiosità paleolitica
e nervi scoperti.
Cerco il centro.
Creo nuovi panegirici
temendo di giungere
al nocciolo sereno del cerchio.
Ci fossi almeno tu
ad allargarmi il sorriso
giocando a nascondino.
Fitti ritorni,
passaggi già fatti
tra volte e travolto,
trasporto
una vita stanca d’attesa.

Illustrazione: Fabio D’Angelo
Testo: Valentina Gaglione

Tutti i diritti riservati©

Immagine

Barche di carta

Barche di carta.

Barche di carta

Barche di carta,
disarmano l’uomo rigido.
Quando ne scorge una
egli ripone l’ordine mentale,
l’espressione canuta,
e ritorna infante
lungo il fiume.

Barche di carta,
passaggio d’una figlia
in qualunque luogo della terra
e tu padre
ne riconosci la mano
la piega del foglio
nel risvolto della vela.
Mentre la vedi ancora
lì, discola
sulle ginocchia.

Barche di carta,
per te amore,
ricami di mani
che placano l’ansia.

                                                                                                                                                           tutti i diritti riservati Valentina Gaglione

 

Immagine

 

Dialoghi Mattutini

Lascia che io dorma

amico,

non svegliarmi che non sia sera

e l’ovattato silenzio mi accolga.

La tua voce scritta in molte righe

m’ insegna il riguardo per me stessa

e racconta dell’avio dei mirtilli,

acceso tra le foglie,

lì dove Micromondi esistono

eccezionalmente

senza di me.

Valentina Gaglione

                                                                                                                                                                                         Tutti i diritti riservatiImmagine

Inside Sicily

Inside Sicily.

Inside Sicily

Inside Sicily

Attendo
sciogliersi il beige delle schiavitù
nel barocco baciato dal sole,
Portafortuna al braccio,
tegole antiche alla finestra
e tappeti di storie, infinite storie.

Sei ancora a letto amico mio?
Qui si può osare,
scavalcare le opacità,
bere ancora
al calice della musica balcanica
che solo per geografia è lontana,
che nelle vene nostre
è troppo uguale
per senso di libero sentire.

La fessura dei silenzi
si stringe al lavorio dei pescatori
si espande al nero dei ciclopi
alla fuga di Ulisse e l’ira di Polifemo,
rifratte ovunque l’occhio si posi.

Questa terra di forza lavica,
fa l’amore con lo Ionio
lascia riflessi d’abbracci a chi la ama
e brace a chi non la conosce.

Valentina Gaglione

Tutti i diritti riservati

Illustrazione: Fabio D’Angelo

Al centro: la delizia

Al centro: la delizia.

Al centro: la delizia

Dannata fu l’erba,
di fuoco avvizzita
finché varchi di tempo
alle origini, condussero.
Dai profumi speziati
risalimmo le paludi dell’anima.
Osservammo lo scampato pericolo
nell’ammasso di lucciole al sole.
E in mezzo si scorse
l’androgino giardino
deformare silenzi in voluttà circolari,
al fiorire d’ogni prelibata bacca.
Stesi come luna gli amanti,
di vita e fragile carne,
si fecero ampolla e con essi
ibridi fiori e cristalli
di spigoli tondi.
Aedi, cantavano
e fianchi senza età
intorno danzavano.
Delizia fu premersi
in libido celeste,
elisir di ancestrali carezze
che su fonti di vino annegammo,
inchinati, bestie tra bestie.
E concesso ci fu senza remora
di osservare fauci di lupi
ricevendo in dono occhi notturni.
Poi l’acero cantò al ciliegio,
le parole non andarono via,
e la storia,
dal seme alla foglia,
capimmo.

Valentina Gaglione

Tutti i diritti riservati

1280px-GardenED_edit1

“Illusion my religion. P.O.P. poetry”.

“Illusion my religion. P.O.P. poetry”..

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: